Jack Dorsey, Web5 e Internet Computer Protocol: la decentralizzazione delle piattaforme web

Share on twitter
Share on telegram
Share on linkedin
Share on email
Il fondatore di Twitter ha recentemente annunciato il concetto di web5, i cui pilastri sono gli stessi di Internet Computer Protocol. Le piattaforme web decentralizzate saranno il futuro di Internet?

Jack Dorsey, fondatore ed ex CEO di Twitter, ha recentemente annunciato il web5: una nuova piattaforma web decentralizzata. È quello che sta costruendo “Block”, la sua nuova società.

Dopo un periodo di silenzio, Block vuole ora competere con i VC del web3 con il web5.

In base alle premesse della presentazione pubblicata online, vogliono costruire una piattaforma web decentralizzata che non è possibile realizzare nelle attuali infrastrutture web3. 

Tranne in una. Internet Computer Protocol. Che è già una piattaforma web decentralizzata.

L’ICP, infatti, è pronto a ospitare tutto ciò che il web5 sta promettendo attraverso la sua tecnologia e la sua infrastruttura.

Il web blockchain potrebbe sostituire il web basato sul cloud? Sarà necessario?

È presto per saperlo, sicuramente è la nuova innovazione di internet che dovremmo approfondire capire e sperimentare.

In questo articolo, approfondiremo le caratteristiche promesse da Block’s web5 e l’infrastruttura dell’ICP che funziona come una piattaforma web decentralizzata.

Cos’è il web5?

“Web5 è una piattaforma web decentralizzata che consente agli sviluppatori di sfruttare <Identificatori Decentralizzati>, <credenziali verificabili> e <nodi web decentralizzati> per scrivere <applicazioni web decentralizzate>, restituendo agli individui la proprietà e il controllo dell’identità e dei dati.”

ati.”

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

The vision of the evolution of web5:

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

In questa slide, Block mostra le differenze tra ciò che è oggi il web2 a sinistra e come si vuole vedere l’evoluzione di Internet a destra.

Internet Computer Protocol è una piattaforma web decentralizzata come il web5 di Jack Dorsey.

L’Internet Computer Protocol risolve lo stesso problema creando un layer internet pubblico basato sulla tecnologia blockchain.

Ciò che è già stato costruito, la missione e la visione di Internet Computer Protocol è quella di creare una risorsa pubblica di cloud computing decentralizzato con prestazioni elevate e capacità infinita.

Come?

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine
Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

È possibile costruire qualsiasi dapp sui canisters. La dapp sarebbe ospitata al 100% sulla blockchain, composta dai data centers e nodi decentralizzati.

Le dapp costruite nell’ICP sono al 100% decentralizzate, al 100% sulla blockchain. 

È quello che Jack Dorsey/Block vuole fare, ma perché lo stanno ribattezzando web5?

Perché Jack Dorsey e Block parlano di web5? 

Il concetto di Web5 vuole unire ciò che oggi è stato chiamato web3 e ciò che è il web2.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

La definizione che possiamo leggere nella slide cerca di prendere le distanze dalle app basate su cloud che sono attualmente popolari nella comunità web3.

Come Block web5, l’Internet Computer fa lo stesso fornendo un livello web blockchain decentralizzato governato dal NNS, un DAO, e si può costruire tutto al 100% on-chain.

Rebranding “web5” per distaccarsi dalle applicazioni “web3” basate su cloud.

Oggi, tutti coloro che costruiscono utilizzando la tecnologia blockchain affermano di costruire web3. Ma non è vero al 100%.

La maggior parte delle dapp “web3” utilizza infatti la blockchain solo per la logica e i dati minimi. Il resto della dapp è basato sul cloud, il cloud è la tecnologia che tutti usano nel web2, e i cloud sono basati sulle aziende: costruiti e gestiti da aziende private.

Il servizio cloud è un problema? In genere no. Lo usiamo tutti. Ma per creare la visione del web3 e i gradi reali di decentralizzazione è importante. 

Come funzionano attualmente le dapp ethereum, solana e simili:

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

Come funzionano sull’Internet Computer:

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

Piuttosto che utilizzare servizi di cloud per hostare il front-end delle pagine e implementare l’utilizzo della blockchain per le logiche minimali, l’Internet Computer è un layer nativo su cui far ospitare la tua dapp. Ciò significa utilizzare il “cloud decentralizzato” di Internet Computer(IC) e non dei cloud di aziende private. Ciò che viene caricato sull’IC si connette con https e ogni utente può interagire ad esso naturalmente come fa con qualsiasi applicazione web.

Attraverso l’Internet Identity si riesce a configurare l’accesso, il login ai vari siti e dapp attraverso la tecnologia WebAuthn, la stessa che utilizziamo per sbloccare il cellulare. I tuoi dati biometrici (l’impronta digitale o la faccia) rimangono tuoi dati privati. Ne parliamo meglio in un paragrafo successivo.

Come funzionerebbero sul web5:

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

Il funzionamento delle Decentralized Web Application (DWA) sembra molto simile a quello di Internet Computer: la web app viene caricata su un nodo della rete piuttosto che su un cloud centralizzato.

I pilastri del web5 sono stati già creati su Internet Computer

Nelle prossime diapositive della presentazione di Block sul web5, vengono presentati i pilastri del web5.

In questo paragrafo, daremo un’occhiata alle somiglianze tra i pilastri del web5 e l’infrastruttura dell’ICP.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine
Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

Decentralized Identifiers come Internet Identity

Il sistema di autenticazione Internet Identity blockchain consente di accedere in modo sicuro e anonimo alle dapp su Internet Computer.

Internet Identity si basa sul protocollo WebAuthn e utilizza un’autenticazione crittografica sicura, offrendo agli utenti tre opzioni per autenticarsi:

  1. I metodi di autenticazione biometrica integrati nello smartphone o nel computer portatile (ad esempio, Face ID, Touch ID o scanner di impronte digitali).
  2. La password o il pin che gli utenti utilizzano normalmente per sbloccare il computer o il cellulare.
  3. Una chiave di sicurezza collegata alla porta USB del computer (ad esempio, YubiKey).

https://www.linkedin.com/embeds/publishingEmbed.html?articleId=7267204301495514708&li_theme=dark

Internet Identity: The End of Usernames and Passwords

“Verifiable Credentials” come NFTs and SBT

È possibile disporre di credenziali verificabili attraverso gli NFT e i Soulbound Token (SBT).

Cos’è un NFT?

I token non fungibili (NFT) sono beni crittografici su una blockchain con codici di identificazione e metadati unici che li distinguono gli uni dagli altri. A differenza delle criptovalute, non possono essere scambiati o scambiati in modo equivalente. Questo differisce dai token fungibili come le criptovalute, che sono identici l’uno all’altro e, quindi, possono servire come mezzo per le transazioni commerciali.

Forbes. “What Is An NFT? Non-Fungible Tokens Explained.” Accessed Feb. 18, 2022.

Cosa sono i Soulbound Tokens (SBTs)?

Gli SBT o Soulbound token sono gettoni non trasferibili e visibili pubblicamente legati all'<indirizzo soul>. Aiutano a creare un’identità sociale attraverso i token per abilitare i servizi attualmente assenti nell’ecosistema Web 3.0 e DeFi, come i prestiti sottocollateralizzati o i contratti semplici, come l’affitto di un appartamento.

Cryptotimes. “What are Soulbound tokens (SBTs) & How do they work?”

Le NFT sono negoziabili, invece le SBT non sono negoziabili. A seconda del caso d’uso, una delle due tecnologie potrebbe creare la possibilità di avere credenziali verificabili.

“Decentralized web nodes” come i datacenters indipendenti ICA

Internet Computer Protocol tecnicamente è una rete di subnets blockchain interoperabili le quali si connettono al protocollo. I nodi del protocollo sono ospitati in data centers decentralizzati. Citando il sito di internetcomputer.org:

La blockchain di Internet Computer non è un hardware fisico che esiste in un luogo fisico. Al contrario, la blockchain di Internet Computer combina risorse di calcolo fornite da centri dati gestiti in modo indipendente in tutto il mondo.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

(screen della dashboard di Internet Computer: i data centers presenti ad oggi che ospitano il protocollo)

A differenza di un cloud pubblico o privato, la blockchain di Internet Computer non è posseduta e gestita da una singola azienda privata. Al contrario, la blockchain di Internet Computer è un servizio di pubblica utilità con aggiornamenti e operazioni gestiti attraverso un sistema di governance algoritmico e decentralizzato definito nel protocollo. La sua architettura consente a più computer di operare come un’unica, potentissima macchina virtuale.

I nodi situati nei centri dati di tutto il mondo che costituiscono l’Internet Computer sono organizzati in subnets di blockchain che a loro volta si connettono tra loro utilizzando la crittografia Chain Key. L’architettura distribuita consente una comunicazione sicura senza firewall o tecnologie vulnerabili agli attacchi. Gli operatori indipendenti dei nodi pagano i centri dati per ospitare i loro nodi e ricevono una remunerazione per contribuire alla capacità di calcolo e ai servizi di hosting per supportare le dapp in esecuzione sulla blockchain di Internet Computer.

Per saperne di più guarda lo status dei nodi e lo status e la direzione della decentralizzazione dei nodi su Internet Computer

E’ corretto dire che Internet Computer Protocol è web5? Probabilmente si.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

anche Vitalik sa che costruire 100% in blockchain può essere utile

Internet Computer, web5 e piattaforme web decentralizzate saranno la prossima innovazione di Internet?

L’idea di un web decentralizzato è quella che mette in controllo l’utente dei propri dati e della propria identità.

  • Restituisce il potere alle persone.
  • Aiuta l’innovazione a respirare.
  • Limita la stagnazione del potere.

Ridurre le barriere che i grandi player pongono all’innovazione significa dare alle persone la possibilità di creare, organizzare e guidare nuovi progetti.

È più facile se c’è competizione per spingere nuovi sistemi che si metto l’utente al centro. È quello che la blockchain già si impegna a fare e farà in futuro. La possibilità di porre la fiducia ad un sistema algoritmo e non ad intermediari può snellire molti processi.

L’interoperabilità e la scalabilità sono due caratteristiche principali necessarie per costruire il nuovo Internet, chiamandolo web3 o web5.

Blockchain e web3 finora sono ancora una nicchia e non sono pronti per l’adozione di massa, fino a quando la gente potrà utilizzare questa tecnologia senza sapere di stare utilizzandola. 

Pensate che vostra madre sappia come funziona Internet? No, ma continua a mandarvi messaggi attraverso il cellulare.

Da un punto di vista tecnico può essere utile partire da un layer decentralizzato. La visione di Satoshi Nakamoto riguardava la decentralizzazione di Internet e al giorno d’oggi le dapp web3 non sono ancora allo stato come abbiamo visto prima.

(decentralizzazione≠comunismo o anarchia)

Per raggiungere la decentralizzazione dobbiamo partire dalla struttura di base di Internet, il nuovo web non dovrebbe basarsi sulle infrastrutture web2.

Una piattaforma web decentralizzata indipendente, con centri dati decentralizzati, identità digitale e credenziali verificabili può essere il pilastro del nuovo Internet.

Ed è su questi pilastri che la storia dell’implementazione della tecnologia blockchain sta andando avanti dal 2009, anno del blocco di genesi di Bitcoin.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

un nyan cat random

_________________________________________________________________________

Spero che la lettura vi sia piaciuta. Se sei arrivato fino a qui, ti ringrazio! Mi ci è voluto un po’ per scrivere questo articolo. Sono sempre contento di fare due chiacchiere e/o mettermi in discussione. I miei messaggi privati sono aperti. Sono Paolo, marketer per Dfinity Foundation, mi trovi in chat su ICP Italia

____________

Fonti principali:

https://developer.tbd.website/projects/web5/

https://dfinity.org/icig.pdf

https://internetcomputer.org/

https://dashboard.internetcomputer.org/

Scopri anche

Unisciti alla community

Entra a far parte di ICP Italia, il luogo in cui incubiamo e realizziamo idee attorno all'ecosistema di Internet Computer.